Nacciarone Gustavo

Nacciarone Gustavo

Gustavo Nacciarone (Napoli, 1831 – 1929) è allievo, molto giovane, della “Libera Scuola di Pittura” dell’abruzzese Giuseppe Bonolis. Ben presto, segue l’esempio di Domenico Morelli nella scelta di un verismo storico che utilizza per composizioni orientaliste e pompeiane.

Nani Napoleone

Nani Napoleone

Napoleone Nani (Venezia, 1841 – Verona, 1899) si forma all’Accademia di Belle Arti di Venezia, sotto la guida di Pompeo Marino Molmenti. Si specializza subito nella pittura di genere e nel ritratto, esponendo alle più importanti rassegne italiane, tra Venezia, Firenze, Torino, Milano e Genova.

Natali Renato

Natali Renato

Renato Natali (Livorno, 1883 – 1979) nasce da una famiglia di artigiani. Prima si interessa alla scultura, poi, dopo aver frequentato per qualche tempo la Scuola di Arti e Mestieri di Livorno, si rivolge alla pittura. Vi rimane per poco tempo perché il carattere indolente e ribelle del giovane non è adatto alle regole accademiche.

Netti Francesco

Netti Francesco

Francesco Netti (Santeramo in Colle, 1832 – 1894) inizialmente era conosciuto solo per la sua attività di critico d’arte. A partire dal 1980 è stato invece rivalutato come artista a tutto tondo. In quell’anno infatti è stata realizzata una mostra monografica.

Nezzo Luciano

Nezzo Luciano

Luciano Nezzo (Badia Polesine, 1856 – Rovigo, 1903) dimostra sin dalla tenera età una forte propensione verso la pittura e il disegno. Ha come primo maestro Marco Vallerini, pittore locale. In seguito, incoraggiato e finanziato da un mecenate veneto, si trasferisce a Venezia per frequentare l’Accademia di Belle Arti.

Noci Arturo

Noci Arturo

Arturo Noci (Roma, 1874 – New York, 1953), figlio del pittore e scultore Ercole Noci e dalla pittrice Tecla Monacelli, cresce in un ambiente artisticamente fecondo. Sono proprio i genitori, infatti, ad iscriverlo nel 1887 all’Accademia di Belle Arti di Roma.

Nomellini Plinio

Nomellini Plinio

Plinio Nomellini (Livorno, 1866 – Firenze, 1943) inizia a studiare a Livorno presso la Scuola Comunale Arti e Mestieri. Vi frequenta i corsi di disegno, figura ed ornato fino al 1884. L’anno successivo si trasferisce a Firenze grazie ad una borsa di studio.

Nono Luigi

Nono Luigi

Luigi Nono (Fusina, 1850 – Venezia, 1918) si trasferisce presto con la famiglia a Sacile, un paese in provincia di Pordenone. Qui inizia a manifestare una certa bravura nella pratica del disegno. Per questo motivo nel 1865 il padre decide di iscriverlo all’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove diventa allievo di Pompeo Molmenti.

Novo Stefano

Novo Stefano

Stefano Novo (Cavarzere, 1862 – 1947) risulta iscritto all’Accademia di Belle Arti di Venezia dal 1894, dove studia sotto la guida di Pompeo Marino Molmenti per un anno (1819-1894). Sono pochissime le notizie antecedenti alla sua vita accademica, per questo si presume che si sia avvicinato alla pittura da autodidatta.

Nunes Vais Italo

Nunes Vais Italo

Italo Nunes Vais (Tunisi, 1860 – Firenze, 1932) nato a Tunisi da genitori italiani, ben presto rientra in Italia, precisamente a Firenze, dove studia all’Accademia di Belle Arti. Ha come maestri toscani Stefano Ussi e Nicolò Barabino, ma in un secondo momento, si trasferisce a Napoli.

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.