Arbarello Luigi

Luigi Arbarello. Paesaggio Montano | Tecnica: Olio su Tela, 45 x 75 cm
Paesaggio Montano. Tecnica: Olio su Tela

Biografia

Luigi Arbarello (Borgaro Torinese, 1860 – Torino, 1923) laureato in legge, per un breve periodo decide di coniugare gli impegni lavorativi con l’attività pittorica. Alla fine degli anni Ottanta, abbandona definitivamente la professione legale in favore dello studio dell’arte.

Prima frequenta l’Accademia Albertina di Torino, seguendo il corso del coetaneo Giacomo Grosso (1860-1938). Dal maestro torinese eredita la sapiente qualità coloristica e la predilezione per il genere paesaggistico.

In un secondo momento, Luigi Arbarello si specializza nel paesaggio. Molto frequenti sono le vedute di ghiacciai e di passi alpini della Valle d’Aosta o del Piemonte, ma anche marine veneziane e paesaggi della campagna romana.

Aggiornato sul paesaggio verista francese e inglese, ne eredita tutta l’intensità lirica, modulata su attente costruzioni cromatiche, decide di perfezionarsi all’estero: viaggia tra Parigi e Londra, frequentando musei ed esposizioni per tenersi aggiornato sulle più importanti novità artistiche.

Tornato in Italia, si stabilisce a Torino, ma soggiorna frequentemente in Veneto, sulle Alpi valdostane e anche a Roma, in cerca di nuovi e variegati motivi. Espone i suoi paesaggi alle mostre di Torino, Genova e Firenze, tra il 1887 e il 1916. Muore a Torino nel 1923.

Luigi Arbarello: il paesaggio dal vero

Dopo aver scelto la strada della pittura già in età matura, Luigi Arbarello si specializza nel paesaggio. Molto frequenti sono le vedute di ghiacciai e di passi alpini della Valle d’Aosta o del Piemonte, ma anche marine veneziane e paesaggi della campagna romana. Aggiornato sul paesaggio verista francese e inglese, ne eredita tutta l’intensità lirica, modulata su attente costruzioni cromatiche.

Esordisce a Torino con Sera nel 1887, quando ancora non ha abbandonato la carriera legale. Nel 1888 presenta Rivo Ognissanti (Venezia), mentre nel 1889, tre studi dal vero sempre ambientati a Venezia: Cappuccine, Verso sera e Canale a Murano.

L’anno successivo, sempre a Torino, espone Riviera e Paesaggio. Nel 1892 si presenta con tre soggetti molto diversi fra di loro: il primo, è un consueto paesaggio di scuola piemontese, Nebbia in montagna. Il secondo è ispirato da un suo soggiorno romano, Ara CoeliRoma, il terzo è Vecchi anni. Risale al 1894 Canale Lombardo a Chioggia e al 1895 Monte Bianco e Laguna di Chioggia.

I paesaggi alpini in Valle d’Aosta

Alla Prima Triennale torinese del 1896 Luigi Arbarello si specializza nel paesaggio. Molto frequenti sono le vedute di ghiacciai e di passi alpini della Valle d’Aosta o del Piemonte, ma anche marine veneziane e paesaggi della campagna romana.

Aggiornato sul paesaggio verista francese e inglese, ne eredita tutta l’intensità lirica, modulata su attente costruzioni cromatiche. espone uno dei suoi dipinti più maestosi e conosciuti: Ghiacciai del Gran Paradiso. Lo stesso anno, presso la Festa dell’Arte e dei Fiori di Firenze, espone L’ora del tramonto – Gressoney la Trinité.

Questi paesaggi, caratterizzati da una pennellata ampia di grande respiro, prendono forma da una tavolozza ricca e variegata. Le variazioni della luce che spesso si rispecchiano nell’acqua, o la presenza di ombre generate da nuvole e caseggiati riflettono pienamente l’atmosfera alpina.

Alla Promotrice di Genova del 1897, si presenta con Vallone di Valmontey – Cogne e con Casolare alpestre. Nel 1898, presso l’Esposizione Nazionale di Torino espone Nel piano di Gressoney e Lago del Gabiet.

Al 1900 risale la sua ultima partecipazione all’Esposizione torinese: vi presenta Ireos e Mattino in montagna. Nel 1916 alla mostra del Circolo degli Artisti, partecipa con Piove sul lago d’Orta.

Quotazioni Luigi Arbarello

Sei interessato alla Vendita o all’Acquisto dei quadri di Luigi Arbarello e conoscerne i prezzi di mercato?

Affidati ad i nostri esperti storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Luigi Arbarello.

Carica le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto in alto.

Una Stima gratuita ti sarà proposta dai nostri esperti anche in meno di 24 ore. Acquistiamo inoltre dipinti di questo artista e suoi coevi.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima accurata.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Luigi Arbarello e vuoi venderla?

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.