Giuseppe Falchetti

Giuseppe Falchetti. Veduta del Colosseo - Tecnica: Olio su Tela, 77 x 115 cm. Firma e data in basso a destra
Veduta del Colosseo. Tecnica: Olio su Tela. Firma e data in basso a destra

Biografia

Giuseppe Falchetti (Caluso, 1843 – Torino, 1918) da giovane si sposta dalla sua città natale per trasferirsi a Torino. A Torino, molto giovane entra nello studio di Giuseppe Camino (1818-1890) come garzone e poi come apprendista e vi rimane per cinque anni.
Allo stesso tempo si reca assiduamente alla Galleria Sabauda per studiare da vicino i dipinti fiamminghi di natura morta e di paesaggio.

Comincia a farsi interprete della pittura di paesaggio e della natura morta, di cui diventerà un grande interprete e verrà ricordato soprattutto per questo. Giuseppe Falchetti muore nel 1918 a Torino. Anche il figlio Alberto si dedicherà alla pittura come il padre e lo zio Michele.

Influenze artistiche

Nonostante la sua fama di pittore di nature morte, le prime opere che espone alla Società promotrice di Belle Arti di Torino sono paesaggi boschivi. Sono opere di matrice romantica e dalla chiara influenza di Massimo D’Azeglio (1798-1866) paesaggista.

L’opera Il lago di Candia del 1864 racchiude quella visione pittoresca che appartiene ai paesaggisti nordici.
Un’atmosfera di classicità circonda la natura, con l’utilizzo delle quinte arboree realizzate con estrema e studiata precisione, della luce dorata e delle piccole figure che “istoriano” il paesaggio.

Le nature morte

Fino al 1913 Giuseppe Falchetti partecipa assiduamente alle mostre Promotrici torinesi e in seguito, dal 1915 al 1918, anche a quelle del Circolo degli artisti.
Inizialmente ha successo prevalentemente a Torino, tra le famiglie dell’alta borghesia e della nobiltà, attratte dalle sue nature morte.
In seguito Falchetti acquisisce popolarità anche all’estero, compiendo diversi viaggi per committenze in Europa.

Al 1865 risale Prodotti d’Autunno che ora fa parte della Galleria d’Arte Moderna di Torino, insieme ad altre sue quattro opere come Cacciagione e Tre chilogrammi di frutta.
Prodotti d’autunno è realizzata con sapiente realismo e resa della luce che bagna delicatamente i turgidi chicchi d’uva, i funghi poggiati casualmente in primo piano, la melagrana aperta a metà.

Giuseppe Falchetti diventa così famoso per la sua trattazione della natura morta che nel 1876 il governo gli commissiona una serie di dipinti che possano dare risalto alle uve italiane e dunque anche ai vini corrispondenti, ottenendo un grande successo e un riconoscimento positivo da parte degli organi ufficiali.

Quotazioni Giuseppe Falchetti

Vuoi una valutazione gratuita della tua opera di Giuseppe Falchetti? Confida sull’esperienza dei nostri esperti storici dell’arte.

Rivolgiti a noi sia posizionando le foto dell’opera nel form sottostante, oppure utilizza i metodi di contatto in alto.

La nostra competenza storica ci permette di offrire una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo inoltre opere di questo artista.

Se vuoi una stima accurata, è indispensabile inviare le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Giuseppe Falchetti e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.