Hollaender Alfonso

Alfonso Hollaender. Pescatori a riva. Tecnica: Olio su Cartone, 49,5 x 33 cm
Pescatori a riva. Tecnica: Olio su Cartone, 49,5 x 33 cm

BiografiAlfonso Hollaender

Alfonso Hollaender (Ratisbona, 1845 – Firenze, 1923) si forma presso l’Accademia di Belle Arti di Berlino, dove esordisce nel 1868. Due anni dopo, allo scoppio della guerra franco- prussiana, decide di rifugiarsi in Italia, paese che sempre lo aveva attratto per il suo valore artistico.

Giunto nella Penisola nel 1870, dunque, Francesco Hollaender si stabilisce a Firenze, pensando di rimanervi per qualche mese. In realtà, poi, non lascerà più l’Italia, anzi, vi resterà fino alla sua morte.

Il contatto con l’ambiente macchiaiolo

È naturale che Francesco Hollaender a Firenze entri in contatto con i pittori macchiaioli, in particolare con Silvestro Lega (1826-1895) e con Telemaco Signorini (1835-1901). I due maestri della macchia, più anziani di lui, lo accolgono benevolmente, incoraggiando il lui lo studio dal vero.

Da questo momento in poi, Alfonso Hollaender reinterpreta in chiave del tutto personale l’eredità macchiaiola. Sceglie come soggetti dei suoi dipinti le marine toscane o liguri, scene di vita campestre, ma anche foreste, campagna e scorci di vita cittadina non solo fiorentina, ma anche veneziana.

Non mancano poi i ritratti, realizzati con una pennellata larga e veloce, che mette in campo quella luminosità sintetica tipica dell’ultima fase del disegno artistico macchiaiolo. Dal 1885 al 1922 espone regolarmente a Firenze, ma è presente anche ad alcune esposizioni milanesi e genovesi. Muore a Firenze nel 1923, a settantotto anni. Solo l’anno prima aveva partecipato alla sua ultima mostra, la Fiorentina Primaverile.

Alfonso Hollaender: l’eredità della lezione macchiaiola

Nato a Ratisbona e inizialmente attivo a Berlino, Alfonso Hollaender sceglie però, come città adottiva la sua amata Firenze. Subito catturato dalla poetica della macchia, il pittore la fa sua adattandola ai tempi.

Attraverso una pennellata sintetica e veloce, Hollaender realizza soprattutto marine, scorci di paesi, interni di chiese e scene agresti che presenta alla Promotrice fiorentina a partire dagli anni Ottanta.

Nel 1885 esordisce con Mare calmo, Interno di chiesa e Veduta di Venezia, mentre l’anno successivo, sempre a Firenze espone Scuola di trine a Venezia, In coro e La confessione. Nel 1890, presenta Vecchio marinaio e Orsnamichele, nel 1892, due Vedute di Firenze.

Ormai affermato nel solco del realismo toscano, Alfonso Hollaender partecipa alla Festa dell’Arte e dei Fiori del 1896 esponendo due dipinti fondamentali della sua produzione: Crepuscolo e Burrasca, dipinto che rappresenta un gruppo di marinai che rientra con la barca sfuggendo dal mare in burrasca.

Immagini poetiche di una Toscana e di una Liguria vere e alle soglie del nuovo Secolo compaiono alla Promotrice fiorentina del 1899: Dalla riviera, La messa, Sestri Levante, canonici in coro.

Un dipinto che è testimonianza dell’attualità di inizio Novecento, con uno sfondo di attenzione alla questione sociale è Emigranti di ritorno, esposto a Milano nel 1906.

Presso la Galleria Geri di Milano, nel 1917, Alfonso Hollaender tiene una personale in cui presenta opere quali Coro del Duomo di Firenze, Studio di pescatore seduto, Nudo di donna distesa, Ponte Vecchio, Riposo del pescatore e Assisi.

Nel 1922, il pittore partecipa alla sua ultima esposizione, la Fiorentina Primaverile, in cui compaiono Due chierici, Marina e Il coro di Santa Maria.

Quotazioni Alfonso Hollaender

Conosci il Valore delle Opere di questo Pittore?

Per una valutazione gratuita della tua opera di Alfonso Hollaender, rivolgiti ai nostri esperti storici dell’arte.

Consultaci sia posizionando le foto dell’opera nel form sottostante, oppure utilizzando i procedimenti di contatto in alto.

Il nostro Staff di esperti, punto di riferimento per il settore, offre una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo opere di questo artista.

Per una stima accurata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Alfonso Hollaender e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.