Joris Pio

Pio Joris. Popolani presso il Foro di Nerva
Popolani presso il Foro di Nerva. Tecnica: Acquerello su carta. Firmato in basso a destra "P. Joris Roma"

Biografia

Pio Joris (Roma, 1843-1921) nasce da un antiquario che lo introduce allo studio dell’arte. Si forma sotto la guida di Edoardo Pastina, un paesaggista napoletano che stava passando il pensionato artistico presso la famiglia Joris. In seguito, dal 1855 al 1861, frequenta l’Istituto di Belle Arti e poi, per la durata di un solo anno, l’Accademia di San Luca.

Il maestro Vertunni

Nel 1861 il padre lo spinge a compiere un viaggio a Firenze per visitare la Prima Esposizione nazionale di belle arti. Qui sarà profondamente affascinato dalla opere di Domenico Morelli (1826-1901), Filippo Palizzi (181-1899) e Saverio Altamura (1822-1894). Dopo questa esperienza a contatto con i padri del verismo meridionale, Pio Joris si avvicina con passione a questo genere.

Agli anni Sessanta risalgono le sue prime opere conosciute, in corrispondenza del momento in cui l’artista entra in contatto con Mariano Fortuny (1838-1874). Nel 1866, invece, conosce Achille Vertunni (1826-1897).

Artista fondamentale per il completamento della sua formazione, lo introduce alla copia dal vero nel suo studio romano. Con il maestro compie un viaggio a Capri e Sorrento, dove viene presentato a Morelli e Palizzi, di cui tanto aveva ammirato le opere a Firenze.

Il contatto con Goupil e il successo

Nel 1867 Pio Joris stabilisce il suo studio a Roma, in via Flaminia. Dall’anno successivo, grazie alla mediazione di Fortuny, entra in contatto con il mercante d’arte parigino Adolphe Goupil.

Da questo momento in poi, comincia a farsi interprete di una pittura dal gusto pittoresco, legata soprattutto a scene di genere romane. Ottiene un vastissimo successo di pubblico e di critica ai Salon parigini e ad una serie di esposizioni italiane ed europee.

Nel 1869 partecipa all’Esposizione Internazionale di Monaco di Baviera, vincendo la medaglia d’oro. All’inizio degli anni Settanta compare tra i primi artisti partecipanti alle mostre dell’Associazione Artistica Internazionale alla Casina del Pincio.

Conosciuto anche come abile acquarellista, nel 1888, nel pieno del successo, Pio Joris risulta iscritto alla Società degli Acquarellisti. In più espone regolarmente alle mostre della Società degli Amatori e Cultori di Belle Arti, diventandone consigliere nel 1900.

Completamente addentrato in un’arte piacevole, chiara, accattivante e assolutamente gradita ai collezionisti, Pio Joris è nella schiera degli artisti romani adeguati all’imperante “gusto Goupil”.

Il suo raffinato e accurato linguaggio, formatosi sul verismo e poi arricchito di virtuosismi fortuniani, lo porta al totale successo. Addirittura, nel 1915, gli viene dedicata un’intera sala alla Mostra degli Amatori e Cultori. Pio Joris muore a Roma nel 1921.

Pio Joris e il “gusto Goupil”  

Nel 1869 partecipa all’Esposizione Internazionale di Monaco di Baviera, vincendo la medaglia d’oro con Domenica mattina fuori porta del Popolo. Nel 1873 all’Esposizione di Vienna, invece, presenta II ritorno dalla questua che gli fa ottenere un’altra medaglia d’oro. Due anni dopo ha un grandissimo successo a Parigi per Un mercante di cose antiche a Toledo.

Scene di vita popolare romana

Sono questi gli anni in cui si afferma velocemente, grazie al mercante Goupil e al suo gusto mondano e leggero, che piace moltissimo al pubblico aristocratico e borghese.

Pio Joris si fa interprete di una pittura di costume decisamente seducente: inserisce ciociari e popolani in paesaggi tratti dal vero della campagna romana. Così anima una serie di scene di vita popolare e pittoresca, conquistando immediatamente il favore del pubblico.

L’importanza della luce

I suoi dipinti risultano luminosissimi, aderenti a quell’“impero del bianco” di cui parla Francesco Netti (1832-1894) riferendosi alla rivoluzione portata da Fortuny.

Il vero è alla base, tanto che fa uso anche della fotografia, per la massima precisione delle scene e delle vedute. Poi interviene la ricerca della luminosità e pennellata veloce, vivace, virtuosa.

Con la Società degli Acquarellisti, nel 1881, Pio Joris presenta i variegati acquarelli Una strada a Subiaco, La soledad ballo gitano) e Rabbuffo (Subiaco). All’esposizione della Società dell’anno successivo partecipa con Amatore di antichità (Spagna) che poi riproduce a penna, nel catalogo che accompagna la mostra.

Nel 1883 partecipa all’Esposizione Internazionale di Roma con il famoso dipinto di storia La fuga di Papa Eugenio IV, poi acquistato dal Ministero della Pubblica Istruzione. Del 1893 è l’acquerello Lavandaia premiato con la medaglia d’oro durante l’esposizione della Permanente di Milano.

La stessa opera, da sola, verrà presentata dall’artista alla Biennale di venezia del 1905. Al 1900 appartengono Giovedì Santo e La processione delle Ammantate a San Pietro. Con quest’opera Pio Joris ottiene al Salon di Parigi la Legion d’Onore e la medaglia d’oro nel 1901 a Dresda.

Quotazioni Pio Joris

Conosci Prezzi e Stime dei quadri del Pittore?

Fai assegnamento sulla capacità dei nostri esperti d’arte per una perizia gratuita della tua opera di Pio Joris.

Puoi chiederci una stima ponendo le immagini del quadro nel form sottostante, oppure usa i contatti in alto.

Offriamo una perizia dei nostri esperti in meno di 24 ore. Acquistiamo i dipinti di questo artista.

Avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro, è importante per una stima scrupolosa.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Pio Joris e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.