LUIGI BIENAIME

Luigi Bienaimè. Pastorella (dettaglio). Tecnica: Marmo-
Pastorella (dettaglio). Tecnica: Marmo-

Biografia

Luigi Bienaimè (Carrara, 1795 – Roma, 1878) dimostra di essere portato per il disegno e per il modellato sin dalla tenera età. Studia presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, fino a quando, nel 1818, non vince il pensionato a Roma.

Qui, completa la sua formazione lavorando nel prestigioso atelier di Bertel Thorvaldsen (1770-1844). Dopo la morte del maestro, prende il suo posto nella cattedra di scultura all’Accademia di San Luca, divenendone membro.

La cerchia di classicisti a Roma

L’attività scultorea di Luigi Bienaimè si distingue per la trattazione neoclassica ereditata, naturalmente, da Thorvaldsen. Condivide questi valori classicisti di equilibrio ed eleganza formale con la cerchia di scultori conosciuti a Roma, tra cui Pietro Tenerani (1789-1869) e Pietro Galli (1804-1877).

Lo scultore di Carrara si specializza non solo nell’esecuzione di busti e ritratti, ma anche nella realizzazione di lfunebri e soprattutto di figure e scene tratte da episodi mitologici, come nella più alta e consueta tradizione classicista.

Mentre Thorvaldsen risulta più strettamente accademico e fedelissimo al rigore compositivo, Luigi Bienaimè sembra avvalersi di una versione più delicata e soffice della scultura neoclassica, dotandola di un carattere intimista e personale.

I numerosi incarichi in tutta Europa

Nel corso della sua carriera, svoltasi principalmente a Roma, l’artista riceve numerose committenze non solo a livello italiano, ma anche europeo, portando avanti, fino agli anni Sessanta dell’Ottocento, gli ultimi sprazzi di linguaggio classico e purista, mentre fioriscono già ampiamente le tendenze veriste.

Lavora per lo zar Alessandro I di Russia, che acquista diverse sculture di Luigi Bienaimè per il Palazzo d’Inverno, ma soprattutto esegue diverse opere per il principe Alessandro Torlonia, e per il principe di Carignano.

Porta avanti la sua idea di scultura fino alla fine, evidenziando sempre il carattere allegorico e classico delle sue opere, attraverso una levigatezza del marmo che lascia pochissimo spazio alle novità naturaliste, se non nell’ultima fase. Muore a Roma nel 1878 a ottantatré anni.

Luigi Bienaimè: la scultura classicista

Tra le primissime opere realizzate da Luigi Bienamè, compare il David in gesso, oggi conservato presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara. All’anno successivo, invece, risale il San Giovanni Battista, il cui marmo è conservato al Metropolitan di New York, mentre il modello in gesso all’Accademia di Carrara.

Mentre sono del 1921 l’allegoria dell’Innocenza, di cui lo scultore ha realizzato più versioni, e Amore che abbevera le colombe, realizzato per il re del Belgio.

All’inizio degli anni Trenta Luigi Bienaimè dà vita ad una ricca produzione, a partire dalle opere realizzate per lo zar di Russia: Telemaco, Diana, Andromaca, Zefiro, Pastorella, Baccante che danza e Psiche abbandonata da Amore. Nel 1861, espone alla Nazionale di Firenze, dopo l’Unità d’Italia, una statua di Venere.

Vasta è anche la serie di opere eseguita per il principe di Torlonia. Ne sono esempio la statua di Venere e quella di Mercurio, oggi conservate entrambe a Palazzo Corsini. Diverse sono le opere dello scultore conservate all’Accademia di Carrara, tra cui Giasone alla conquista del vello d’oro e un Autoritratto.

A Carrara, nella casa del fratello Pietro Antonio (1781-1857) si conservano diverse opere di Luigi Bienaimè, tra cui le formelle in terracotta poste dall’artista a decorazione della facciata.

Quotazioni Luigi Bienaimè

Quanto Vale la tua opera di questo Scultore toscano?

Fatti guidare dai nostri consulenti storici dell’arte per una Quotazione Gratuita della tua Scultura di Luigi Bienaimè.

Puoi contattarci sia caricando le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto in alto.

Il nostro Team di storici dell’Arte offre una valutazione qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo Opere di questo artista.

Per una stima ragguagliata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Luigi Bienaime e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.