Luxoro Tammar

Tammar Luxoro. Veduta del Golfo di La Spezia. Tecnica: Olio su Tela
Veduta del Golfo di La Spezia. Tecnica: Olio su Tela

Biografia

Tammar Luxoro (Genova, 1825 -1899) nel 1842 si iscrive all’Accademia Linguistica di Belle Arti di Genova. Contemporaneamente frequenta lo studio del pittore vedutista Pasquale Domenico Cambiaso (1811-1894). Il pittore svizzero Alexandre Calame (1810-1864) lo influenza nella pittura paesaggistica di matrice romantica.

In un secondo momento Luxoro sarà tra i primi paesaggisti liguri a separarsi dai modi calamiani per orientarsi verso una pittura più realista. Questa separazione avviene forse anche grazie all’incontro con Antonio Fontanesi (1818-1882) ed alla conoscenza dell’opera del periodo genovese di Ippolito Caffi (1809-1866).

L’Accademia Linguistica

Sin dagli anni Sessanta l’artista è molto attivo all’interno dell’Accademia Linguistica di Genova. Prima come ragioniere dal 1863 al 186, poi come accademico di merito nel 1864, e nel 1872 come direttore delle sale libere di studio.

Grazie a lui nel 1874 viene istituita la scuola di paesaggio dal vero, di cui è direttore fin dall’apertura. La creazione della scuola avviene nonostante l’opposizione dei paesaggisti più legati alla tradizione romantica e ancora lontani dal verismo.

Al di là dell’Accademia, fin dagli anni Quaranta è molto attivo nella vita culturale di Genova. Ad esempio, nel 1848 organizza una mostra d’arte i cui ricavi vengono interamente devoluti alle famiglie dei soldati partiti per la prima guerra d’indipendenza.

L’anno seguente viene istituita a Genova la Società Promotrice di Belle Arti, diretta evoluzione proprio della rassegna organizzata da Tammar Luxoro. Anche grazie al suo appoggio viene poi fondata la Civica Scuola Industriale Duchessa di Galliera. Qui ricopre l’incarico di insegnante di disegno industriale.

Importantissima inoltre, la sua attività nel campo del restauro dei beni artistici di Genova. Viene infatti nominato membro della Commissione Conservatrice dei Monumenti. Ancora nel pieno dell’impegno artistico e culturale in ambito ligure, muore a Genova nel 1899.

Gli esordi nel segno del paesaggio romantico

La formazione di Tammar Luxoro all’Accademia Linguistica si svolge inizialmente sotto la guida del pittore paesaggista Cambiaso. L’artista era tra quei pittori liguri ancora certamente legati all’idea classica di veduta. Ma, venuto a contatto con la Scuola di Posillipo a Napoli, risultava già indirizzato verso l’inizio di un cambiamento.

Come allievo di Cambiaso, Luxoro acquisisce questi tratti più sciolti della veduta romantica, legati anche all’incontro con la pittura di Alexandre Calame. Testimonianza del legame stilistico di Luxoro con Calame è l’opera giovanile Paesaggio con pastori, ultima espressione di questa prima fase.

L’adesione al verismo

Dalla metà degli anni Cinquanta Tammar Luxoro comincia ad avvicinarsi ai modi pittorici di Antonio Fontanesi. Inserisce nei paesaggi un delicato naturalismo permeato da un’atmosfera vibrante ed emozionante, persino intima.

Così, tra uno sguardo a Fontanesi e uno alle suggestive e dinamiche vedute di Ippolito Caffi, avviene l’evoluzione stilistica di Luxoro. Questa emerge in prima istanza dall’opera Dante e l’Entella o Paesaggio. Nella tela l’artista coniuga la tematica ancora romantica ad una resa dei soggetti e della natura orientata nettamente verso il verismo.

L’opera, oggi conservata alla Galleria d’Arte Moderna di Genova, è stata acquistata dal principe Oddone nel 1865 alla Promotrice di Genova. Altra spinta importante verso il realismo è l’osservazione alla Promotrice di Genova del 1856 di alcuni dipinti macchiaioli.

Vi espongono infatti Odoardo Borrani (1833-1905), Serafino De Tivoli (1825-1892), Silvestro Lega (1826-1895) e Telemaco Signorini (1835-1901). Da loro Tammar Luxoro viene molto probabilmente ispirato per l’evoluzione finale della sua tecnica.
Ne è un esempio Il golfo della Spezia, esposto alla Promotrice del 1864, in cui si nota una precisa attenzione ai fattori cromatici.

La Scuola di Rivara

Grazie agli spunti provenienti da Fontanesi e dal realismo dei macchiaioli, avviene il graduale progredire della sua pratica artistica. Questo cambiamento lo conduce a divenire uno dei rappresentanti della Scuola di Rivara. Dal 1865, nelle campagne di Rivara in Piemonte, si ritrova un gruppo di artisti liguri e piemontesi per dipingere dal vero, in estate.

La matrice verista è la stessa della Scuola di Barbizon in Francia. I pittori: Alfredo D’Andrade (1839-1915), Serafin De Avendaño (1838-1916), Ernesto Rayper (1840-1873), Ernesto Bertea (1836-1904), Vittorio Avondo (1836-1910), Alberto Issel (1848-1926) e Carlo Pittara (1835-1891).

Con tali premesse nasce un verismo settentrionale tutto intenzionato a ritrarre l’impressione diretta della natura. Il cenacolo raggiunge la sua massima espressione intorno al 1870, dando la possibilità al Piemonte e alla Liguria di abbandonare gradualmente la pittura romantica.

Tammar Luxoro partecipa con passione alle escursioni di Rivara, ma non può essere definito un innovatore puro del paesaggio ligure. Per quanto moderno, rimane ancora legato a stilemi romantici e al linguaggio di Calame. Il parziale rinnovamento da lui portato avanti è però precisamente riscontrabile nell’opera La via ferrata, esposta a Parma nel 1870.

Quotazioni Tammar Luxoro

Conosci il valore delle sue opere?

Conta sulla competenza dei nostri consulenti storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Tammar Luxoro.

Interpellaci sia collocando le foto dell’opera prontamente nel form quì sotto, oppure usufruisci dei contatti in alto.

La nostra competenza storica ci permette di offrire una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo inoltre opere di questo pittore.

Per una stima accurata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Tammar Luxoro e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.