Daphne Maugham Casorati

Daphne Maugham Casorati. Case di Pavarolo, 1939. Tecnica: Olio su tela, 55 x 65 cm
Case di Pavarolo, 1939. Tecnica: Olio su tela, 55 x 65 cm

Biografia

Daphne Maugham Casorati (Londra, 1897 – Torino, 1982) passa la sua infanzia a Londra. Diciassettenne, segue la sua famiglia a Parigi, dove comincia a studiare pittura presso l’Académie Ranson. Ben presto si avvicina al gruppo dei Nabis, legando in particolare con Maurice Denis (1870-1943) e Paul Sérusier (1864-1927).

Nel 1921, con un tipo di pittura richiamante gli stilemi secessionisti, Daphne Maugham Casorati, esordisce al Salon d’Automne. L’anno seguente, rientra a Londra, dove completa la sua formazione alla Slade School of Art della London University.

L’incontro con Felice Casorati a Torino

Insieme alla sorella Cinthia, ballerina molto vicina all’ambiente culturale torinese di casa Gualino, Daphne compie un viaggio in Italia nel 1925. Proprio in casa Gualino conosce non solo la pittrice Jessie Boswell (1881-1956), dama di compagnia, ma anche a soprattutto Felice Casorati (1883-1963).

L’anno successivo, entra nello studio del pittore, facendosi avvolgere completamente dal clima di ritorno all’ordine di Novecento. Nel 1928 partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia, con due dipinti che riflettono proprio il clima di sospensione e mistero ordinato delle tele del maestro.

Piano piano, il sodalizio artistico tra Daphe e Felice si intensifica sempre di più, fino a trasformarsi in legame amoroso. I due, infatti, si sposano a Torino nel 1930, rimanendo uniti per tutta la vita, anche dal punto di vista artistico.

Daphne Muagham Casorati espone con regolarità per tutti gli anni Trenta e Quaranta, soprattutto alla Biennale di Venezia, alle Sindacali torinesi e alla Quadriennale di Roma. Verso la fine degli anni Quaranta, la sua pittura si semplifica, acquisendo un valore sempre più decorativo.

Nel dopoguerra, l’attività espositiva della pittrice inglese si dirada, ma comunque continua a partecipare a diverse mostre insieme a Casorati e tiene anche alcune personali, come quella presso la Galleria Spontorno di Milano del 1955. Dopo la morte del marito avvenuta nel 1963, dipinge ed espone con sempre minore regolarità. Muore a Torino nel 1982, a ottantacinque anni.

Daphne Maugham Casorati: dagli esordi simbolisti al ritorno all’ordine

La formazione di Daphne Maugham Casorati avviene tra Londra e Parigi, nel corso degli anni Dieci del Novecento. Il suo approccio alla pittura è sicuramente accompagnato dall’avvicinamento alla cultura simbolista e Art Nouveau di quegli anni, soprattutto grazie al contatto con Denis a Parigi.

Ma giunta a Torino e conosciuto Felice Casorati, suo futuro marito, la pittrice inglese fa sue le istanze di ritorno all’ordine, incamerando quel magico riferimento al Quattrocento italiano, tipico del maestro. Dunque, la pittura di Daphne Maugham Casorati acquisisce quella visione assoluta e pierfancescana, con una luminosità diffusa e una pennellata vibrante.

Le interessa la prospettiva rinascimentale contenitrice di spazi rarefatti e magici, ma realizza anche numerosi paesaggi, caratterizzati da una atmosfera calda e silenziosa. In Italia, esordisce nel 1928 alla Biennale di Venezia con La musicista matta e I guanti.

L’anno successivo espone in una mostra organizzata da Casorati presso la Galleria Milano, presentando diversi disegni e una trentina di dipinti, tra cui Donne sul letto e Donna allo specchio. Sempre nello stesso anno, prende parte anche alla Sindacale torinese con Limoni, Marina, La colazione, Interno, Studio di ambiente e Clarissa.

Daphne Maugham Casorati: intellettuale e ricercata

Quella di Daphne Maugham Casorati è una pittura intellettuale e ricercata, come si nota dal dipinto Persone nello studio, presentata alla Biennale del 1930 insieme a Natura morta e Sartoria. A quella del 1932 invia ben sette opere: Collina, Interno, Paese d’inverno, Ragazza sdraiata, Giannina, Carbone e Case sul Bacchiglione.

Nel corso degli anni Trenta, la pennellata si fa sempre più morbida e i passaggi tonali più delicati, in una sorta di richiamo all’Impressionismo. Ne sono esempio le opere esposte alla Quadriennale di Roma del 1935 In giardino, Paesaggio: Pavarolo e Gabriella.

Alla Sindacale torinese del 1936 presenta Signorina, Violino e una serie di bozzetti pubblicitari, mente a quella del 1937 Nudo, Figura, Natura morta e Ritratto di Lindo Borgarelli. Bimbo nel viale, Le case di Pavarolo e Paesaggio autunnale sono le tre opere che compaiono alla Quadriennale di Roma del 1939.

Nel 1940 e ’41 Daphne Maughan Casorati prende parte al Premio Bergamo rispettivamente con Albero e Pere e Il boschetto che sembrano ritornare ad una elaborazione cromatica e compositiva cèzanniana. I tetti di Fantin e Brinata compaiono alla sua ultima Quadriennale del 1943, anche se continuerà ad esporre anche per tutti gli anni Cinquanta.

Quotazioni Daphne Maugham Casorati

Sei aggiornato su Prezzi e Stime di Mercato dei suoi Dipinti?

La tua opera di Daphne Maugham Casorati sarà valutata gratuitamente dai nostri esperti storici dell’arte.

Rivolgiti a noi sia caricando le foto dell’opera nel form sottostante, oppure utilizza i metodi di contatto in alto.

Offriamo una perizia qualificata anche in meno di 24 ore, grazie alla competenza nel settore del nostro Staff. Acquistiamo quadri di questa artista.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima accurata.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Daphne Maugham Casorati e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.