Scoppetta Pietro

Pietro Scoppetta. Ritratto di fanciulla - Olio su tela, cm 37×37
Ritratto di fanciulla. Tecnica: Olio su tela

Biografia    

Pietro Scoppetta (Amalfi, 1863 – Napoli, 1920) si forma ad Amalfi sotto la guida di Giacomo Di Chirico (1844-1883). All’inizio degli anni Ottanta, si trasferisce a Roma dove comincia a collaborare con la rivista “Cronaca Bizantina” come illustratore.
Attività questa, che lo impegna per molti anni, a cominciare dal suo contributo disegnativo dato a “L’Illustrazione italiana”.

Affianca al lavoro di illustratore quello di pittore: tornato ad Amalfi, segue le orme del maestro Di Chirico. Pietro Scoppetta ritrae infatti i costumi e il folklore della costiera, con i suoi bellissimi paesaggi, attraverso una pennellata pastosa e luminosissima.

Negli anni Dieci, soggiorna molto frequentemente tra Londra e Parigi, arricchendo le sue tele di vedute e di scene di genere legate a questi luoghi. Pietro Scoppetta si specializza nei famosissimi ritratti di donne eleganti ed aggraziate, realizzati con una pennellata leggerissima e filamentosa.

La pittura si aggiorna pian piano alle richieste del mercato, dominato dal gusto di Adolphe Goupil e della sua Maison.
Veloci e dinamici paesaggi e soggetti di genere o ritratti vengono realizzati sempre con la stessa tavolozza brillante delle origini.

Continua la sua attività di illustratore di riviste e di romanzi dell’Ottocento per diversi anni, affiancandola a quella di pittore. Frequenta i salotti culturali più importanti di Napoli, come il Caffè Gambrinus (contribuendo alla sua decorazione), il Circolo Artistico e il Salone Margherita. Espone regolarmente alle Promotrici napoletane per molti anni. Muore a Napoli nel 1920.

Gli esordi: l’influenza di Giacomo Di Chirico      

Esordisce alla Promotrice del 1881 a Napoli. Da questo momento in poi, Pietro Scoppetta inizia la sua intensa attività espositiva, che dura fino agli anni Venti del Novecento. Nel 1884 a Torino presenta il dipinto di genere Chi Sarà?, riproposto poi a Napoli nel 1885. I luminosi paesaggi della costiera cominciano a comparire nel 1887 a Venezia con Estate, poi nello stesso anno a Napoli con Sulla spiaggia e Piazza.

La luminosità della Costiera amalfitana

Queste prime prove risultano realizzate con un impasto denso e con una tavolozza brillante, proprio sull’esempio di Di Chirico. Il maestro, erede della lezione di Domenico Morelli (1826-1901) e di Mariano Fortuny (1838-1874), con toni chiari e tratto virtuosistico aveva rappresentato il folklore di Venosa, sua città natale.

Così, la Costiera amalfitana, i suoi vicoli e i suoi meravigliosi colori, vengono raccontati dall’allievo, nel massimo rispetto della tradizione napoletana della pittura di luce. Ne sono esempio Sui monti di Amalfi e Marina di Amalfi del 1888. Ancora, Valle dei mulini ad Amalfi, presentato a Napoli nel 1891 e Vicolo di Amalfi del 1897.

Pietro Scoppetta a Parigi

La pittura alla moda

Il trasferimento a Parigi nel 1900 e i numerosi viaggi effettuati a Londra producono un forte aggiornamento nella pittura di Pietro Scoppetta. Non solo cambiano i temi, che si avvicinano alla pittura charmant di gusto internazionale, ma anche la pennellata.

Nei soggetti parigini essa diventa veloce e quasi “sfilacciata”, tanto da sembrare una sorta di pastello molto vivido. I temi sono quelli della Belle Époque: eleganti caffè, interni alla moda e raffinate donne ritratte in seducenti pose.

La cura dei particolari e del colore è la sua caratteristica principale in vedute fugaci e dinamiche quali Impressioni di Londra e Impressioni di Parigi, esposte a Napoli nel 1904. Vi sono poi i dipinti di figura, quelli che lo hanno reso famoso ai più.

Nel 1920, la Biennale di Venezia gli dedica una retrospettiva, dopo la sua morte, realizzata con trentacinque sue opere. Tra di esse, vi sono i ritratti femminili alla moda, realizzati nel periodo parigino e in quello successivo. Ne sono esempio Scialletto giallo, Ammaliatrice, Duchesse bleu, Sconforto, Ammiratrice, Lettura, Dopo il “lunch” e il poetico Nostalgia.

Quotazioni Pietro Scoppetta

Sei aggiornato sul valore, prezzi e stime delle opere del pittore?

Confida sull’esperienza dei nostri esperti storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Pietro Scoppetta.

Consultaci sia posizionando le foto della tela nel form sottostante, oppure utilizza i procedimenti di contatto in alto.

La nostra competenza storica ci permette di offrire una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo opere di questo artista.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima mirata.

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Pietro Scoppetta e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.