Tabacchi Odoardo

Odoardo Tabacchi. Preludio (dettaglio). Tecnica: Scultura in Bronzo
Preludio (dettaglio). Tecnica: Scultura in Bronzo

Biografia

Odoardo Tabacchi (Valganna, 1836 – Milano, 1905) nato nella provincia di Varese, dimostra sin dalla tenera età sorprendenti doti disegnative. Nel 1845, a soli nove anni, viene mandato a studiare a Milano, presso l’Accademia di Brera, dove inizia a studiare scultura.

Sin dai primi concorsi accademici degli anni Cinquanta, vince diversi premi, fino a quando nel 1851, ottiene anche il pensionato. Quindi, nel 1851 si trasferisce prima a Roma, poi a Firenze ed in seguito a Napoli, approfondendo le sue doti di scultore verista, frequentando pittori come Domenico Morelli (1823-1901).

Rientrato a Milano nel 1860, prende uno studio, dove inizia a lavorare prevalentemente come scultore di cicli e di monumenti ufficiali, amato e richiesto soprattutto in ambito lombardo.

Con il tempo, diventa autore di numerosi bassorilievi ed opere pubbliche che lo rendono famoso anche a Torino, dove, nel 1870, viene nominato professore di scultura presso l’Accademia Albertina.

Il successo

L’attività espositiva di Odoardo Tabacchi al di fuori dell’Accademia comincia ufficialmente nel 1870, quando prende parte alla Mostra Nazionale di Parma, dove ottiene un grande successo di critica e di pubblico.

Da questo momento in poi, si susseguono per lo scultore numerose mostre, a partire dalla Promotrice di Torino del 1871, in cui continua ad esporre per diversi anni, fino al 1898. Non manca, poi, di partecipare alla Nazionale di Napoli del 1877 e a quella di Roma del 1883.

Inoltre, dopo aver partecipato all’Esposizione di Parigi del 1878, Odoardo Tabacchi comincia ad essere lodato dalla critica per la naturalezza delle pose, per la grazia dei soggetti e per la velocità e libertà compositiva con cui realizza i suoi gruppi pieni di vigore vitale.

Sebbene inizialmente sia stato impegnato soprattutto nella scultura monumentale, l’artista, nella seconda parte della sua carriera, si dedica prevalentemente a piacevoli e armoniosi soggetti muliebri, che seguono l’inclinazione della tematica di genere, pur non tralasciando quella storica e mitologica.

Il verismo, dunque, si attenua in una spiccata leggiadria e vezzosità nella descrizione dei particolari femminili, mentre per quanto riguarda le statue pubbliche, Odoardo Tabacchi risulta più moderato e solenne. Impegnato nell’insegnamento fino alla piena maturità, lo scultore muore a Milano nel 1905, a sessantanove anni.

Odoardo Tabacchi: gli esordi con la scultura monumentale

Durante gli anni di studio e di pensionato, Odoardo Tabacchi realizza le sue prime sculture caratterizzate da un solenne verismo, accompagnato da una sorprendente resa dell’energia e dell’espressione umana.

La prima opera nota dello scultore è Il pianto degli angeli, eseguita durante il pensionato a Firenze. Ma rientrato a Milano, ormai pronto a lavorare da solo, prende uno studio, dove comincia ad ottenere diversi incarichi pubblici.

Tra le opere monumentali realizzate in questi anni vi sono l’Arnaldo da Brescia poi eretto a Brescia, il Cavour modellato insieme allo scultore Antonio Tantardini (1829-1879), Foscolo e il gruppo con il Trattato di Campoformio.

I soggetti muliebri: la naturalezza del modellato

Dopo essere stato nominato professore di scultura all’Accademia Albertina, Odoardo Tabacchi dà inizio ad una fiorente attività espositiva. Espone alla Nazionale di Parma del 1870 la statua Peri, che ottiene lodi soprattutto da parte della critica e viene poi riproposta l’anno successivo alla Promotrice torinese.

Nel 1872, invece, presso la Mostra di Belle Arti di Milano, espone l’emozionante e suggestivo soggetto della Vergine cristiana condannata ad un infamante supplizio. Nello stesso anno, a Torino espone Psicotera e Ritratto.

Di questi affascinanti soggetti femminili la critica loda l’abilità nella resa naturalistica e soprattutto l’attenzione al particolare. Da sottolineare, è anche la leggerezza delle tematiche di facile comprensione da parte del pubblico, catturato dal sostrato sentimentale di alcuni soggetti di Odoardo Tabacchi, che contrastano con la solennità dei gruppi monumentali.

All’Esposizione Nazionale di Napoli del 1877 invia di nuovo Peri accompagnata da Hypatia e dalla graziosa Tuffolina, una delle sculture di genere più accattivanti e conosciute dell’artista.

All’Esposizione di Torino del 1878, torna ad un soggetto celebrativo, presentando la statua di Vittorio Emanuele II, così come alla Mostra Nazionale di Roma del 1883, dove invia il Michelangelo Buonarroti.

Nel 1884, compaiono ben sei opere di Odoardo Tabacchi all’Esposizione di Torino, leggere e piacevoli: Dreamland, Cica, cica, Fiori del ballo, Libro pericoloso, Mascherina e Conte Avogadro di Quaregna.

Diverse sculture vengono presentate dall’artista alle Promotrici di Torino negli anni Novanta, le ultime prima della sua morte: Sultano, Gaie memorie, Amazzone, Fiori per il mio asinello, Il prediletto e Preludio.

Quotazioni Odoardo Tabacchi

Quanto Vale la tua opera di questo Scultore?

Fatti guidare dai nostri consulenti storici dell’arte per una Quotazione Gratuita della tua opera di Odoardo Tabacchi.

Puoi contattarci sia caricando le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto in alto.

Il nostro Team di storici dell’Arte offre una valutazione qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo sculture di questo artista.

Per una stima ragguagliata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Odoardo Tabacchi e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.