Gaspare Traversi

Gaspare Traversi. Ritratto di Padre Gian Lorenzo Berti (dettaglio). Tecnica: Olio su tela
Ritratto di Padre Gian Lorenzo Berti (dettaglio). Tecnica: Olio su tela

Biografia

Gaspare Traversi (Napoli, 1722 – Roma, 1770) allievo di Francesco Solimena (1657-1747) a Napoli, esegue le prime opere negli anni Quaranta, cogliendo del maestro soprattutto i contrasti chiaroscurali, il naturalismo ed il tenebrismo dell’ultimo periodo.

Non si hanno molte informazioni biografiche sull’autore, ma nel decennio successivo, è già documentato a Roma: si stabilisce a Trastevere, dove, all’attività pittorica affianca quella di prestito di denaro, insieme al fratello Francesco. Gaspare Traversi, inizia la sua produzione romana con alcune bambocciate eseguite per la clientela napoletana.

Decorazioni sacre e pittura di genere

In contatto con diverse congregazioni religiose, realizza per i Carmelitani di San Crisogono alcune storie veterotestamentarie ed evangeliche, trasferite poi in San Paolo Fuori le Mura dopo la morte dell’artista e di cui ancora non si conosce la destinazione originaria.

Uno dei suoi principali committenti, padre Raffaele di Lugugnano, conosciuto ancora nel periodo napoletano, gli affida la decorazione, oggi dispersa, della sagrestia di Santa Maria di Monte Oliveto a Castellarquato, vicino Parma.

Nel frattempo, Gaspare Traversi continua ad occuparsi di soggetti di genere, eseguendo piccole scene tratte dalla quotidianità popolare, intrise di un forte naturalismo, che deriva dal gusto sobrio di Marco Benefial (1684-1764).

Quest’ultimo, infatti si era opposto al classicismo in voga di Sebastiano Conca (1680-1764) e di Francesco Trevisani (1656-1746), per dare vita ad un naturalismo tutto derivato dal Seicento emiliano dai Carracci e di Domenichino.

Pochi elementi essenziali riempiono le scene sacre o profane di Gaspare Traversi, in una scelta in cui la retorica barocca si trova quasi completamente esclusa, in favore dell’espressione pura e verosimile degli affetti e anche di una narrazione ironica e acuta della società contemporanea.

Lo stesso vale per la produzione di ritratti, richiesti da personalità eminenti dell’aristocrazia e della borghesia nascente romana e napoletana, in cui segue un indirizzo prettamente naturalistico. Pur rimanendo in contatto con la committenza napoletana, passa tutta la sua vita a Roma, lavorando instancabilmente fino agli ultimi giorni. Vi muore nel 1770, a soli quarantotto anni.

Gaspare Traversi: il recupero del naturalismo seicentesco

Una delle prime opere eseguite da Gaspare Traversi è la Crocifissione firmata e datata al 1748 e conservata nella collezione Escalar a Roma. Già in questo esordio giovanile si nota l’allontanamento inconsueto dal gusto arcadico portato avanti nella Roma papalina e nella promozione artistica del cardinale Ottoboni negli anni Venti e Trenta.

Piuttosto, il linguaggio dell’artista napoletano si riallaccia a quello naturalistico di Benefial, in una elaborazione neocarraccesca delle scene sacre e di genere. Al 1749 risalgono le decorazioni, che seguono questo indirizzo, della chiesa di Santa Maria dell’Aiuto a Napoli, mentre nel 1752 è già attestato a Roma.

Le sei tele realizzate per i Carmelitani di San Crisogono, tra cui La resurrezione di Lazzaro, sono le prime opere che risalgono al periodo romano, seguite dal Miracolo di san Raimondo Nonnato per la chiesa di Sant’Adriano e da Il ferito delle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Scene di genere di stampo verista

Nelle scene di genere di Gaspare Traversi, ironiche e argute, tutte dedicate al mondo popolare o borghese, si nota un certo intento aneddotico, che traspare sia dalle tele ambientate nei salotti borgesi, durante concertini e lezioni di musica, sia in quelle inserite nella cornice più popolare delle osterie.

A questo filone picaresco appartengono Lezione di musica e Lezione di disegno della Nelson Gallery, Vecchia mendicante con scugnizzo della Pinacoteca di Brera, Lo scrivano della Galleria Estense di Modena, Rissa al gioco, conservata nel Museo di San Martino di Napoli, La rissa del Wadsworth Atheneum di Hartford e La partita a carte del Musée des Beaux Arts di Rouen, tutte opere realizzate con un’inquadratura ravvicinata e con una gestione del chiaroscuro che rivela lo studio di Caravaggio.

Alcune scene di genere, come il Contratto nuziale di Palazzo Corsini, I fidanzati e La lettera segreta, offrono un chiaro riferimento alle narrazioni del pittore inglese William Hogarth (1697-1764). Con grande ironia ed umorismo, infatti, è riuscito a descrivere i riti e i costumi di una società alla ricerca di una maggiore visibilità, come quella della borghesia nascente.

Una realtà senza orpelli, vista attraverso una lente naturalistica e disincantata, si riscontra anche nel Trattenimento musicale del Museo di Capodimonte e nei numerosi ritratti, tra cui quello di Fra Raffaello da Lugagnano, quello di Gian Lorenzo Berti, la Giovane contadina, il Ritratto di canonico e il Ritratto di gentiluomo che risale al 1770, anno della sua morte.

Quotazioni Gaspare Traversi

Sei aggiornato su Prezzi e Stime di Mercato dei suoi Dipinti?

La tua opera di Gaspare Traversi sarà Valutata Gratuitamente dai nostri esperti storici dell’arte.

Rivolgiti a noi sia caricando le foto dell’opera nel form sottostante, oppure utilizza i metodi di contatto in alto.

Offriamo una perizia qualificata anche in meno di 24 ore, grazie alla competenza nel settore del nostro Staff. Acquistiamo Opere di questo autore.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima accurata.

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Gaspare Traversi e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.