AUGUSTO VALLI

Augusto Valli. Massaua. Tecnica: Olio su Tavola, 24 x 29 cm. Firmato in basso a destra "A. Valli Massaua"
Massaua. Tecnica: Olio su Tavola, Firmato in basso a destra "A. Valli Massaua"

Biografia

Augusto Valli (Modena, 1867 – 1945) di forma presso l’Accademia di Belle Arti di Modena a partide dal 1879, seguendo i corsi di Giovanni Muzzioli (1854-1894) e di Antonio Simonazzi (1824-1908).
Nel 1880, vinto il Premio Poletti in Accademia, riesce a compiere un soggiorno a Roma, dove espone presso la Società degli Amatori e Cultori di Belle Arti.

Nella Capitale, completa la sua formazione esercitandosi anche nella copia dall’antico. Ciononostante, ben presto, l’accademismo degli esordi viene sostituito in Augusto Valli da un profondo interesse per la pittura verista. Questo è testimoniato dalle prime opere presentate alla Triennale di Modena del 1881.

Il rapporto con l’Africa

Proprio all’inizio degli anni Ottanta, il giovane artista compie i suoi primi viaggi in Africa, da cui riporta una serie di impressioni orientaliste che espone a Modena insieme a soggetti di genere e di storia.

Nel 1896 è di nuovo in Africa, al seguito del Conte Gian Piero Porro, che è a capo di una spedizione esplorativa dell’Abissinia. Purtroppo, l’esperienza finisce in tragedia: l’intera compagine della spedizione viene trattenuta dal console britannico di Harrar e l’unico membro ad essere salvato sarà proprio Augusto Valli, mentre gli altri verranno massacrati dai soldati dell’emiro Abdallah.

Nonostante questa bruttissima esperienza, il pittore modenese non rinuncerà a viaggiare di nuovo in Eritrea ed in Etiopia, proprio per il crescente interesse che il governo italiano ha nel conoscere e nell’esplorare le zone che costituiscono le sue principali mire espansionistiche.
A questo punto, Augusto Valli viene riconosciuto quasi esclusivamente come autore di dipinti orientalisti, ispirato proprio dai suoi continui viaggi in terra africana.

Il successo di mercato

A questa passione per l’esotismo, che si riflette nella scelta di trattare con maggiore rispetto possibile le ambientazioni e i costumi abissini o eritrei, il pittore aggiunge l’imponente e decorativo impianto scenografico che gli deriva dal maestro Muzzioli, soprattutto per quanto riguarda le scene neo pompeiane alla Lawrence Alma Tadema (1836-1912).

Il tratto veloce, sintetico e molto luminoso usato per i dipinti orientalisti si trasforma in una vera evocazione di temi simbolisti e preraffaelliti quando viene chiamato a decorare a fresco la Parrocchiale di Spilamberto a Modena, nel 1889.

Con i suoi soggetti orientali, ricchi di luce e di dettagli filologici, Augusto Valli conquista il mercato italiano ed estero e, oltre a realizzare veloci e vivaci impressioni, esegue diverse commissione per il Museo Africano di Roma.
Espone soprattutto a Modena e alle Promotrici di Genova fino agli anni Dieci del Novecento. Muore nella sua Modena nel 1945, a settantotto anni.

Augusto Valli: la pittura orientalista tra Modena e l’Africa

Augusto Valli esordisce negli anni Ottanta, mostrando sin da subito di essere interessato allo studio dal vero. Nel 1833 a Modena espone Ritratto d’uomo con fazzoletto, uno dei primi dipinti dell’autore conosciuti.

In questi anni, si occupa soprattutto di temi di storia e di genere, seguendo l’esempio dei suoi maestri Simonazzi e Muzzioli. Poi, dopo i primissimi viaggi in Africa, comincia ad indirizzare la sua produzione soprattutto verso il genere orientalista, trattato con vigore e scioltezza di tocco.

Risalgono al 1892 il Ritratto di Menelik II e Prigionieri Galli tradotti davanti a Ras Makonen, mentre è dell’anno successivo Semiramide morente sulla tomba di Nino, che sembra ricalcare a pieno i modi di Muzzioli, soprattutto nella ripresa di una pittura sontuosa e scenografica.

Rosa Mystica viene presentato da Augusto Valli alla Promotrice di Genova del 1899, mentre nel 1902 vi espone Nell’Ittù, Dane, Paese Dankàlo, Scioa e Massauai, tutte mirabili impressioni realizzate durante i suoi soggiorni africani, trattate con un tocco vibrante e veloce ed una luminosità diffusa e seducente.

Nel 1907, sempre alla Promotrice di Genova, il pittore modenese espone Il colonn. Saletta restituisce la visita al governo egiziano, Massaua 1885, Porto Said, Massaua, Ricordi dello Scioa 1890-91, Ricordo di Massaua. Al 1911 risale la sua partecipazione all’Esposizione Internazionale di Roma in cui presenta Festa religiosa nell’Eritrea.

Quotazioni Augusto Valli

Quanto Vale il tuo Dipinto di questo Artista modenese?

Fatti guidare dai nostri consulenti storici dell’arte per una Quotazione Gratuita della tua opera di Augusto Valli.

Puoi contattarci sia caricando le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto in alto.

Il nostro Team di storici dell’Arte offre una valutazione qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo dipinti di questo artista.

Per una stima ragguagliata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Augusto Valli e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.