Zocchi Guglielmo

Guglielmo Zocchi. La lettura. Tecnica: Olio su Tela, 71.1 x 51,4 cm
La lettura. Tecnica: Olio su Tela, 71.1 x 51,4 cm

Biografia

Guglielmo Zocchi (Firenze 1874 – dopo il 1920) nasce da una famiglia di artisti. Si forma al seguito di Tito Conti (1842-1924), pittore di storia, ritrattista e autore di dipinti in costume. Da lui eredita la predilezione verso soggetti di genere: si specializza soprattutto nella realizzazione di scene in costume greco e romano.

Partecipa a pochissime esposizioni, essendo impegnato in committenze private. Ottiene infatti un immediato e duraturo successo soprattutto nel mercato straniero.
I suoi dipinti vengono richiesti da rappresentanti dell’alta borghesia, dell’aristocrazia e della politica esteri. Essi lo incaricano anche di eseguire ritratti, sempre in costume greco o romano.

Proprio a causa della sua scarsa partecipazione alle esposizioni ufficiali, non è facile ricostruire la sua biografia attraverso la produzione artistica. Sebbene infatti essa sia molto vasta, è dispersa in collezioni private inglesi, tedesche e statunitensi.
Un suo dipinto è entrato nella collezione della Galleria Statale di Santiago del Cile. Non sappiamo con precisione né la data, né il luogo di morte dell’artista.

Pittura di genere in costume romano e greco

Sin dal suo esordio sotto l’ala del pittore fiorentino Tito Conti, Guglielmo Zocchi si interessa alla pittura in costume. Il suo maestro era specializzato soprattutto nei ritratti e nelle scene di genere in costume seicentesco, attentissime ai particolari storici.
Questa caratteristica viene sicuramente ereditata dall’allievo, anche se preferisce specializzarsi nel cosiddetto genere neo-pompeiano.

L’eredità del genere neo-pompeiano

Guglielmo Zocchi è erede, dagli anni Novanta in poi, di quel tipo di pittura che era stata introdotta in Italia dal pittore olandese Lawrence Alma-Tadema (1836-1912). Gli scavi di Pompei ed Ercolano avevano generato una forte ispirazione nell’artista.

Si era fatto primo interprete di una pittura che riportasse in vita la raffinatezza e la maestosità del mondo romano e greco. La ricostruzione storica è estremamente meticolosa, non solo per quanto riguarda gli ambienti, ma anche per quanto riguarda gli oggetti, le vesti, le decorazioni, le acconciature.

Una vasta schiera di artisti si è poi fatta interprete del genere neo-pompeiano, avallando anche le richieste del mercato internazionale e della Maison Goupil.
I ceti più benestanti adoravano acquistare dipinti dal gusto antichizzante, che potessero ricordare le antiche virtù degli avi.
Le storiche ambientazioni in cui si rivela una quotidianità raffinata ed elegante piacciono moltissimo ai mercanti e ai collezionisti.

Guglielmo Zocchi. Una seducente antichità

L’attento studio dell’antico di Alma-Tadema si trasforma in una seducente ricostruzione che sembra pervadere le opere di Zocchi. Ma il passato, che nel primo viene evocato con precisa corrispondenza, nel secondo diventa pura immaginazione e vaporosità.

Elementi di diverse epoche vengono uniti, quasi a suggerire un visionario incontro tra antichità classica e fastosità settecentesca.
Quello che porta in scena Guglielmo Zocchi, più che essere un revival dei mores maiorum e delle virtù greche e romane, è un senso di “mollezza” e di piacere estetico. Per questo i suoi dipinti vengono ampiamente apprezzati dal pubblico internazionale.

Si tratta di opere vivide e dal cromatismo acceso come Idillio classico, Il centro dell’attenzione, Donna con bambino, Donna alla fontana.
In questi dipinti, donne con vesti e acconciature antiche svolgono attività quotidiane in cortili o interni di case con affreschi di ispirazione pompeiana.

Sono ambientazioni pervase da una luce calda e da una tavolozza luminosa. Fregi pittorici e scultorei, girali d’acanto, colonne scanalate, anfore fanno da sfondo a fanciulle eteree e seducenti. Sono esempi di queste caratteristiche Figura pompeiana in un portico, Nel tempio di Venere, Saffo, Fanciulla della Roma antica.

Il costume settecentesco

Guglielmo Zocchi, sempre nel solco della pittura alla moda, offre anche diverse incursioni nel genere in costume settecentesco. Le eleganti ambientazioni della pittura neo-pompeiana divengono sontuosi interni settecenteschi in cui fanciulle riccamente ornate vengono rappresentate nei momenti di svago.

Sedute su imponenti poltrone di ricchi salotti leggono lettere o libri, suonano strumenti, oppure chiacchierano piacevolmente bevendo il tè.
Specchiere luminose, arazzi, tappeti lavorati, più in generale arredi sfarzosissimi accolgono queste donne in dipinti come L’ora del tè, Una buona lettura, Una serata musicale.

Quotazioni Guglielmo Zocchi

Conosci le Quotazioni del pittore?

Affidati ad i nostri esperti storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Guglielmo Zocchi.

Puoi contattarci sia caricando le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto che trovi in alto.

Grazie alla lunga esperienza nel campo, possiamo offrire una stima anche in meno di 24 ore. Acquistiamo inoltre dipinti di questo artista.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima accurata.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Guglielmo Zocchi  e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.