Il Settecento veneziano in mostra a Padova

Il Settecento veneziano. Mostra a Padova

Biblioteca Antoniana, Padova

Fino al 6 luglio 2019

Presso la Biblioteca Antoniana della Basilica del Santo a Padova, si potrà ammirare fino al 6 luglio prossimo, una mostra dedicata al Settecento veneziano. Il curatore Fabrizio Magani ha ideato questa meravigliosa esposizione, grazie al contributo della Galleria Gallo Fine Art e della Veneranda Arca di Sant’Antonio.

La stupenda biblioteca padovana, infatti, sarà il magico luogo in cui i visitatori potranno recarsi ad ammirare trenta opere selezionate dello splendente e vaporoso ‘700 veneziano.

La mostra, dal carattere filologico e strettamente scientifico, sarà accessibile solamente durante gli orari di apertura canonici della biblioteca, e soprattutto solo per quindici visitatori alla volta.

L’esposizione, aperta solo per poche settimane, permette inoltre di osservare il restauro della biblioteca francescana da poco effettuato, e di poter ammirare l’affresco della volta realizzato da Giovanni Antonio Pellegrini (1675-1741).
L’opera, che raffigura L’Immacolata che appare ai santi francescani, è stata realizzata dal pittore nel 1702, per rendere ancora più speciale questo luogo già di per sé solenne e unico.

Per la mostra, sono stati allestiti diversi pannelli rosso scuro che ospitano, con luci soffuse e delicate, i trenta dipinti, quasi tutti appartenenti alla collezione di Graziano Gallo ed esposti in questa magnifica cornice.
I pochi dipinti non facenti parte della Collezione Gallo, provengono da altre proprietà private parimenti prestigiose, che danno alla mostra un valore aggiunto.

Il vaporoso e leggiadro spirito del Settecento veneziano

Come ha voluto sottolineare il curatore, la mostra padovana racchiude in sé tutte le varie declinazioni del glorioso Settecento. Venezia, con il suo sfarzo e con il suo specifico carattere effimero, ha ospitato un Settecento brioso ed elegante, il più decantato dalla storia. Il Rococò e la leggerezza delle decorazioni tiepolesche danno proprio l’idea della sua vaporosità eccentrica.

La mostra intende porre attenzione anche sulla poetica del pittoresco, l’importanza del mito, la bellezza delle vedute ottiche, la celebrità delle eleganti corti, ma anche l’umiltà della Venezia più ombrosa e povera.

In questa mostra così ricca e variegata, compaiono le opere dei più importanti e rappresentativi artisti del tempo, tra cui Giambattista Piazzetta, Luca Carlevarijs, Rosalba Carriera, Jacopo Amigoni, Michele Marieschi, Lorenzo Tiepolo, Sebastiano Ricci, Francesco Guardi, Pietro Longhi, Giambattista Cimaroli, Giuseppe Bernardino Bison, Gian Domenico Tiepolo, Giambattista Pittoni.

Inoltre, sarà possibile ammirare alcune opere geografiche, appartenenti alla Biblioteca Antoniana, di grande valore storico. Atlanti e mappamondi di Vincenzo Coronelli, cosmografo, e cartografo francescano, vissuto a Venezia a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo, a servizio della Serenissima.

Orari:

lunedì – venerdì 10.00/12.30 – 15.00/18.30

sabato 10.00/12.30

Biglietti:

ingresso gratuito

 

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.