Palazzo Bonaparte a Roma: la riapertura

Palazzo Bonaparte. Interno del Bussolotto
Palazzo Bonaparte. Interno del Bussolotto

Roma, Palazzo Bonaparte

Dal 6 ottobre 2019

Sta per riaprire al pubblico lo storico Palazzo Bonaparte a Roma, tra la fine di via del Corso e piazza Venezia. Un angolo incantevole che si divide tra il caos dello shopping romano, del turismo di piazza Venezia e il segreto silenzio che si cela dietro le verdi persiane del bussolotto che per tanti anni abbiamo visto sigillato.

Il Palazzo fu costruito tra il 1657 e il 1677 su progetto dell’architetto Giovanni Antonio de Rossi, per i marchesi D’Aste. Nel Settecento, passa ai Rinuccini, famiglia fiorentina, per poi giungere alla gloriosa storia dei Bonaparte nell’Ottocento.
Viene acquistato, infatti, nel 1818 da Letizia Bonaparte, mamma di Napoleone, che lo sceglie per trascorrervi il resto della sua vita.

L’assetto originario del Palazzo rimane intatto per più di un secolo, osservando i grandi cambiamenti avvenuti nella piazza romana nel corso degli anni. Nel 1972, diventa sede del Gruppo Generali Assicurazioni che oggi ha deciso di aprirlo al pubblico dopo un restauro durato un anno.

Da palazzo storico a luogo espositivo

Il programma Generali Valore Cultura, nato nel 2016, ha permesso la grande riapertura, in collaborazione con la Sovrintendenza e con il gruppo Arthemisia, che organizza mostre a livello internazionale. Le splendide sale del Palazzo, tutte magnificamente decorate, ospiteranno grandi mostre nello stile di Arthemisia.

Ma già di per sé, il Palazzo rappresenta uno scrigno di meraviglie: il piano nobile è completamente affrescato per tutte e nove le sale che si snodano elegantemente una dopo l’altra. La decorazione a grottesche del balconcino, in stile neoclassico, si accompagna a tutti i saloni, che ospitano volte affrescate e ornamenti di ampio respiro.

Nell’anticamera, poi, il capolavoro di Antonio Canova (11757-1822), il Napoleone come Marte pacificatore nel suo modello in gesso, regalato dallo scultore stesso alla Letizia Bonaparte.

L’altana presenta invece una serie di finestroni che permettono di godere di una vista mozzafiato su Roma, panorama già amatissimo nel Settecento e nell’Ottocento dai nobili che frequentavano il palazzo.

Impressionisti segreti: la prima mostra

A partire da ottobre, questo luogo ospiterà esposizioni di ogni tipo. A cominciare dalla prima mostra, che inaugurerà il 6 ottobre, dal titolo evocativo e, senza dubbio, accattivante Impressionisti segreti, di cui sapremo sicuramente di più, a tempo debito.

Ad oggi, abbiamo il numero delle opere – più di cinquanta, provenienti da prestigiose collezioni private di tutto il mondo – e i nomi degli impressionisti che saranno i protagonisti della mostra: naturalmente, Monet, Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Caillebotte, Morisot, Gonzalès, Gauguin Signac.

Per ora, queste le notizie, accompagnate da una pre-apertura allargata a tutti, organizzata il 9 luglio dalle 14,00 alle 24,00, con grande successo, e dalla nascita di un sito molto dettagliato e dalla grafica fresca e invitante. Aspettiamo la vera apertura del 6 ottobre, per ammirare di nuovo le stanze di Letizia e spiare dal balconcino verde quello che succede a Piazza Venezia.

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.