Tintoretto. Le Gallerie dell’Accademia punteranno l’attenzione sui primi anni di attività dell’artista, il Giovane Tintoretto. Curato da Roberta Battaglia, Paola Marini e Vittoria Romani, il percorso si snoderà attraverso sessanta opere realizzate nell’arco dei suoi primi dieci anni di carriera.

Il Mart di Rovereto, nella Casa d’Arte Futurista di Depero, ha voluto valorizzare le opere della collezione permanente, dando vita alla mostra “Manu propria. Il segno calligrafico come opera d’arte”. Con le proprie mani gli artisti hanno lasciato segni e impronte, come dimostra l’Archivio di Nuova Scrittura di Paolo Della Grazia.

Pompei. Regio V, Via del Vesuvio. Un meraviglioso Priapo è apparso durante i lavori di riprofilatura della zona. L’affresco affaccia proprio sulla via del Vesuvio e dunque era, ed è, ben visibile ai passanti. Nel classico stile pompeiano, all’interno di finte modanature architettoniche, il nuovo Priapo appare in tutta la sua bellezza e chiarezza disegnativa.

Una grande mostra al MoMA ritorna a celebrare questo grande artista del Novecento, così lontano da ogni corrente e ogni intento decorativo. Le curatrici Paulina Pobocha e Mia Matthias hanno scelto una serie di undici sculture accompagnate da disegni e fotografie per riassumere la sua carriera. Sono presenti anche video, opere meno conosciute dell’artista, realizzate in collaborazione con l’amico Man Ray.

BRIC-à-brac | The Jumble of Growth | 另一种选择 è la mostra inaugurata presso la Galleria Nazionale di Roma il 16 luglio 2018. È curata da due storici dell’arte che provengono da due paesi lontani, da noi e tra di loro: Gerardo Mosquera è cubano e Huang Du è cinese.

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.