Felice Vellan

Mazzè. Processione di San Rocco (dettaglio). Tecnica: Olio su tela

Biografia

Felice Vellan (Torino, 1889 – 1976) si forma all’Accademia Albertina e in un secondo momento frequenta lo studio di Giovanni Guarlotti (1869-1954). Dal maestro eredita la predilezione per il genere del paesaggio, ritraendo soprattutto vedute piemontesi agresti e montane.

È autore di diverse decorazioni murali piemontesi e gran parte delle sue opere si trovano in collezioni private torinesi ed estere. Ha svolto anche l’attività di illustratore collaborando con diverse riviste e quotidiani come “La Stampa”. Caricature e vignette satiriche sono state il suo trampolino di lancio all’inizio della sua carriera, proprio perché lavora per alcuni periodici umoristici torinesi.

A Torino Felice Vellan fonda la Scuola serale del nudo ed è prima consigliere e poi vicepresidente del Circolo degli Artisti della città. Trascorre la sua vita tra Torino e Mazzè, un paesino di provincia che spesso ritorna nelle sue rappresentazioni, immortalato durante feste patronali o circondato dalle montagne piemontesi.

Partecipa a molte esposizioni, come la Biennale di Venezia, la Quadriennale di Roma e di Torino, non solo con dipinti, ma anche con incisioni. È presente alla mostra della Società degli Amatori e Cultori di Belle Arti di Roma del 1927 e alla Permanente di Milano del 1924 e del 1931.

Felice Vellan viaggia molto in Europa e in America, portando con sé suggestioni poi trasmesse nei suoi lavori. Instancabilmente passa dall’India, all’Africa, alla Francia, alternando a questi lunghi viaggi periodi di pace a Mazzè o nella riviera ligure, ma anche in Abruzzo. Muore a Torino nel 1976.
Nel 1977 a Torino è stata organizza a Palazzo Lascaris una retrospettiva, seguita da diverse personali fino agli anni Ottanta.

Paesaggi piemontesi

I paesaggi di Felice Vellan si distinguono per una pennellata corposa e materica, come se tramite il colore volesse costruire lo spazio. Grande interprete di vedute di Torino, dei suoi parchi e delle sue strade, ritrae anche la campagna e le montagne piemontesi, la Dora Baltea che scorre a Mazzè e la neve, presentissima nei suoi dipinti.

Il naturalismo sincero delle vedute si unisce ad una romantica suggestione proveniente dalla formazione accademica e al seguito di Guarlotti.
A tratti, invece, i suoi paesaggi risultano caratterizzati da una pennellata meno consistente e più “piatta”. Effettua questa scelta soprattutto nella realizzazione di marine liguri, in cui la calma dell’acqua si riflette in una pennellata più leggera.

Alla Biennale del 1924 Felice Vellan espone Dintorni di Rivoli, mentre nello stesso anno ma a Genova espone due paesaggi montani: A Portud, Courmayeur d’inverno e Ruscello d’inverno a Clavieres. Alla Quadriennale romana del 1931 invece, invia la marina Paese di riviera, seguita da altri dipinti dello stesso filone come Paese ligure e Paranze in riposo sul Pescara.

Felice Vellan: le vedute montane

Per il resto, la maggior parte dei paesaggi di Felice Vellan rappresentano la montagna, a lui carissima. Nel 1930 presenta a Torino In Engadina, nel 1933 Strade di St. Moritz d’inverno. Come accennato in molti dipinti il protagonista è il candore della neve.

Da alcune testimonianze lasciate dal pittore, sappiamo che per lui ritrarre la neve è quasi un’ossessione: la osserva sotto vari effetti di luce e in diversi momenti della giornata. Altri paesaggi montani sono Gressoney: la Trinité, La rampa di Cavoretto – Inverno, Sant’Ambrogio di Susa, Paesaggio invernale.

Molte altre vedute sono dedicate ai suoi numerosi viaggi. Importanti sono quelle di Istanbul e Rodi, ma anche quelle della Bulgaria e dei Balcani.

Quotazioni Felice Vellan

Confida sull’esperienza dei nostri estimatori storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Felice Vellan.

Consultaci sia posizionando le foto della tela nel form sottostante, oppure utilizza i procedimenti di contatto in alto.

La nostra competenza storica ci permette di offrire una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo Dipinti di questo Pittore.

Inviaci le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro; è indispensabile per avere una stima accurata.

Corrente Artistica:

Hai un'opera di Felice Vellan e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

    Informazioni di contatto


    Messaggio

    Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs 196/2003.

    error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.