Valutazione sculture

Valutazione gratuita di sculture e opere di arte antica
dell 800 e del primo 900

A differenza della pittura la valutazione della scultura è molto più complessa. Innanzitutto per la scultura ante 1940 non esiste una catalogazione di quotazioni con prezzi di riferimento.
Questo è dovuto alla rarità degli autori, spesso anonimi, ed anche alla più difficile collocazione delle sculture negli ambienti moderni, fatto che ha reso meno approfondito l’argomento quotazione in generale.
Gli stessi studi scientifici, come i libri monografici, sono spesso e volentieri dedicati più ai pittori che agli scultori.

Scultura antica

La scultura antica è sicuramente la più difficile da studiare. Rarissime sono le opere firmate e comunque non è possibile avere una compilazione di quotazioni di riferimento. I materiale friabili inoltre, quali il gesso, la terracotta o lo stucco, hanno reso anche precaria la conservazione delle sculture antiche, spesso andate distrutte. In generale è possibile basarsi sulla qualità del singolo pezzo e ovviamente sulla notorietà dell’autore.

L’eventuale apparizione sul mercato di un pezzo di un grande scultore dell’epoca rinascimentale o barocca, di certa provenienza e attribuzione, inevitabilmente sarebbe accolto con grandissimo entusiasmo. Comunque materiali quali l’avorio, anche se di antica lavorazione, negli ultimi tempi sono penalizzati dalle leggi contro il contrabbando di questo materiale, conseguente l’abbassamento della domanda, in particolare all’estero.

Molto apprezzati in ambito antico le sculture da “Stanza delle Meraviglie”, oggetti curiosi e di grande qualità: recente è il prezzo spuntato da una piccola conchiglia incisa dal fiammingo Cornelis Bellekin che ha raggiunto la cifra considerevole di 230.750 sterline o la scultura in legno di anonimo artista tedesco del Seicento, con la personificazione della morte, che ha raggiunto 131.250 sterline.
Passando alla scultura marmorea considerevole la cifra di più di un milione di euro per una Carità romana dello scultore francese del Settecento Laurent Delvaux (Londra 2016, Sotheby’s).

Ottocento

La scultura dell’Ottocento reca spesso la firma dell’autore ma comunque, a parte gli scultori più noti, permane una certa difficoltà ad avere prezzi di riferimento.
La poca conoscenza dei maestri meno noti, e la loro rarità sul mercato non ha permesso di avere una catalogazione di quotazioni precisa.
Ovviamente maestri internazionali come Auguste Rodin (1840-1917) o italiani come Medardo Rosso (1858-1928) hanno dei punti riferimento abbastanza precisi.

I capolavori dello scultore francese hanno spesso raggiunto valutazioni di diversi milioni di euro. Record sono stati gli oltre quindici milioni di euro raggiunti nel 2016 per il marmo Léternel Printemps del 1884 (Sotheby’s New York). Medardo Rosso, principale esponente della scultura scapigliata lombarda, ha raggiunto i 390.000 euro nel 2016 con l’opera Bambino ebreo in bronzo del 1892.

Attilio Selva. Ritmi, 1921 ca. Scultura in gesso patinato, 153 x 73 x 63 cm
Attilio Selva. Ritmi, 1921 ca. Scultura in gesso patinato, 153 x 73 x 63 cm

Per la scultura dell’ottocento italiano un record importante è rappresentato dalla Chioma di Berenice di Ambrogio Borghi  (1848–1887) aggiudicata a 527.000 euro. Questo record è dovuto alla grande qualità di questa scultura in marmo, accompagnata dal virtuosismo tecnico estremo quanto mai apprezzato sul mercato internazionale.
Poco meno della metà ha invece realizzato la stessa scultura ma in bronzo a riprova anche del fascino irresistibile del soggetto.

Novecento

La scultura del Novecento ha i suoi massimi rappresentanti in Italia in Arturo Martini (1889-1947), scultore famoso già alla sua epoca, e in Adolfo Wildt (1868–1931).

Ma è soprattutto quest’ultimo che negli ultimi tempi ha avuto un grande riscontro internazionale.

Nel 2015 una Santa Lucia in marmo ha raggiunto il record di di 550.000 euro in un’asta londinese, ma nell’eventualità apparissero opere più importanti nel mercato internazionale questo prezzo sarebbe con molta probabilità superato facilmente.

La scultura italiana più quotata: Donna che nuota sott’acqua del 1941-42 di Arturo Martini

Arturo Martini. Tito Livio, 1942. Bronzo, 49,5x 51x27 cm
Arturo Martini. Tito Livio, 1942. Bronzo, 49,5x 51×27 cm

Martini era considerato lo scultore più importante della sua epoca e attualmente mantiene il record di prezzo più alto ufficiale: Donna che nuota sott’acqua del 1941-42 è stato aggiudicato a 2 milioni di euro.

Un grande successo e fama internazionale ottenne anche Francesco Messina, (1900-1995) da qui le commissioni importantissime che assolse lungo la sua carriera.

Il suo amore per la classicità lo ha reso maestro di un’intera generazione di scultori ma attualmente le sue valutazioni non rispettano la fama che seppe ottenere in vita.

Gli scultori meno noti non hanno di frequente punti di riferimento per le quotazioni e spesso neppure collezionisti particolarmente interessati ad un particolare autore.

In questi casi la valutazione si deve riferire alla qualità della singola opera e della tecnica di esecuzione.

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Stima gratuita di opere d'arte antiche, quadri, dipinti

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce. Inviaci ora una foto.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro