CARLO BRANCACCIO

Carlo Brancaccio. Sulla Via di Amalfi (dettaglio). Tecnica: Olio su Tela
Sulla Via di Amalfi (dettaglio). Tecnica: Olio su Tela

Biografia

Carlo Brancaccio (Napoli, 1861 – 1920) comincia a praticare la pittura dagli anni Ottanta, attorno ai vent’anni, nonostante la famiglia lo avesse avviato agli studi matematici. Si forma al seguito dell’amico Edoardo Dalbono (1841-1915), interessandosi sin da subito ad una pittura di paesaggio luminosa e dalla tavolozza accesa.

L’impronta della scuola napoletana è ben visibile nelle sue prime espressioni, anche se, in seguito, i frequenti soggiorni parigini lo indirizzano verso una pennellata di ispirazione impressionista.

I colori brillanti e il fare libero e sciolto della pittura en plein air lo caratterizzano per tutta la sua carriera. I suoi soggetti prediletti sono marine, paesaggi e scorci di vita urbana parigina, trattati con vivacità e freschezza.

Esordisce a Napoli nel 1881, per continuare ad esporvi fino agli anni Dieci del Novecento. Partecipa anche a diverse mostre milanesi, torinesi, palermitane e genovesi. Nel 1895 e nel 1901 espone alla Biennale di Venezia. Tra soggiorni parigini e napoletani, continua la sua attività espositiva anche a Parigi, Londra, Monaco e Buenos Aires. Muore a Napoli nel 1920.

Paesaggi e marine, l’influenza di Dalbono

Con uno Studio, Carlo Brancaccio esordisce alla Promotrice napoletana del 1881. Memore degli insegnamenti di Dalbono, si fa interprete di una pittura agile e luminosa, ricca di suggestioni veriste. Anche nel 1884, sempre a Napoli e nel 1885 a Milano espone una serie di Studi e Paesi, riportando sia il realismo della scuola napoletana che il tocco vibrante e scenografico di memoria fortuniana.

Nel 1888 alla Promotrice napoletana espone una serie di soggetti partenopei: Da Mergellina, Schizzi, Un giorno di pioggia a Toledo, S. Maria del Carmine. Nello stesso anno espone a Londra Marinella, dipinto poi riproposto nel 1890 a Napoli insieme a Paesaggio. Sempre in questo stesso anno invia a Berlino Impressioni di Napoli, dipinto premiato con menzione onorevole.

Carlo Brancaccio: una pennellata impressionista

Al 1891 risalgono Verso sera e In campagna, presentate a Napoli e Golfo di Napoli, Mergellina e La vecchia Napoli presentate a Berlino. Sono questi gli anni in cui Carlo Brancaccio soggiorna spesso a Parigi e comincia a presentarsi dunque al mercato europeo.

Richiestissime dai collezionisti, elabora piccole composizioni decorative con marine e paesaggi napoletani, conseguendo un notevole successo di mercato.

La sua pennellata si fa più veloce e vicina all’impressionismo, ispirato dalle coeve e precedenti espressioni pittoriche francesi. All’Esposizione Nazionale di Belle Arti di Roma del 1893 espone: Marina d’inverno, Via d’Amalfi, Santa Lucia e Bassoporto, che viene premiata con la medaglia d’oro.

Alla Biennale di Venezia del 1895 presenta Impressione, mentre a Berlino Bagni del popolo in Napoli, Sorrento e Fiume Sebeto (Napoli). Il 1895 è un anno particolarmente prolifico: espone anche a Monaco Impressione di temporale e Gita sul Vesuvio, e alla mostra degli Amatori e Cultori a Roma L’amore è una catena, Ore tristi e In attesa.

Nel 1899 a Berlino compare Palazzo donn’Anna a Posillipo, soggetto molto trattato dagli artisti della scuola napoletana. Dal 1900 cominciano a essere presentati paesaggi francesi e veneziani: Boulevard, Schizzo di Parigi, Paesaggio di Provenza, In gondola, Piazza San Marco, Vieille coau à Cluny e Sous la cascade.

Quotazioni Carlo Brancaccio

Sei informato sul Valore delle sue opere?

fida sull’esperienza dei nostri esperti storici dell’arte per una stima gratuita della tua opera di Carlo Brancaccio.

Consultaci sia posizionando le foto della tela nel form sottostante, oppure utilizzando i procedimenti di contatto che scorgi in alto.

La nostra competenza storica ci permette di offrire una perizia qualificata anche in meno di 24 ore. Acquistiamo opere di questo artista.

Per una stima accurata, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

 

 

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Carlo Brancaccio e vuoi venderla?

Risposte anche in 24 ore.

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: © Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.