Altamura Saverio

Saverio Altamura. Episodio della Divina Commedia. Olio su tela, 62 x 81 cm. Firma in basso a sinistra
Episodio della Divina Commedia. Tecnica: Olio su tela, firma in basso a sinistra

Biografia

Saverio Altamura (Foggia, 1826 – Napoli, 1897) inizia la sua carriera artistica a Napoli. Nel 1848 prende parte ai moti rivoluzionari, ma dopo i fatti seguiti al colpo di stato a Napoli del 15 maggio, è costretto a fuggire e a rifugiarsi in Toscana.

Qui Saverio Altamura è uno dei primi artisti a farsi promotore delle istanze veriste napoletane. Dalla metà degli anni Cinquanta fa parte della Scuola di Staggia i cui componenti si prefiggono di ritrarre dal vero le campagne senesi.

Nel 1855 si reca insieme a Serafino De Tivoli (Livorno, 1825-Firenze, 1892) e Domenico Morelli (Napoli, 1826-1901) all’Esposizione universale di Parigi e riporta le novità apprese a Firenze. È proprio da questo momento che prende forma la pittura di macchia.
Partecipa a molte Promotrici fiorentine e dopo l’Unità d’Italia riallaccia i rapporti con le esposizioni artistiche napoletane. Muore a Napoli nel 1897.

Formazione

A Napoli insieme a Domenico Morelli segue i corsi serali presso l’Accademia di Belle Arti. Nel 1847 vince il pensionato a Roma, dove continua la sua formazione nel solco della pittura di storia.

Influenze artistiche: Scuola di Posillipo e di Barbizon

A Napoli Saverio Altamura conosce approfonditamente le opere dei fratelli Giuseppe (Lanciano, 1812-Parigi, 1888) e Filippo Palizzi (Vasto, 1818-Napoli, 1899). Entrambi  rappresentanti del verismo napoletano ed eredi del linguaggio della Scuola di Posillipo e delle istanze della Scuola di Barbizon.
Sempre in questa città entra nel clima rivoluzionario e prende parte ai moti del 1848.

A questi anni risale il dipinto Morte di un crociato che reca in basso il motto «Dio lo vuole» non soltanto usato dai crociati, ma anche adottato dai sostenitori dell’Italia libera e unita.
La tela doveva essere acquistata dal conte d’Aquila, fratello di Ferdinando II Borbone, soltanto se Altamura avesse cancellato il motto. Ovviamente l’artista si rifiuta di adempiere alla richiesta ed è costretto a fuggire a Firenze.

Il linguaggio verista

Qui comincia a frequentare il Caffè Michelangelo dove diffonde il linguaggio meticolosamente realista dei fratelli Palizzi. In questa fase di formazione Altamura aderisce ancora a temi di matrice storica, seppur modificati nel distacco dai dettami accademici e con un linguaggio verista tutto nuovo, utilizzato anche da Morelli.

Alla Promotrice fiorentina del 1851 espone Episodio della schiavitù degli Ebrei, Pia de’ Tolomei e Il limbo, dipinti che oggi non sono reperibili e che rappresentano la fase giovanile in cui Altamura ancora si concentra sulla pittura di storia e di letteratura.

Nel 1852 infatti realizza il Corsaro di Byron e Profilo di donna, dipinto che mostra la propensione di Altamura verso vocazioni di tipo romantico molto legate anche alla poetica di inglesi come Frederic Leighton (Scarborough, 1830-Londra, 1896). L’anno successivo esegue un altro quadro ispirato al mondo letterario La figlia di Jefte e Tom e Evangelina, soggetto tratto dalla Capanna dello zio Tom.

La Scuola di Staggia

Dal 1854 dipinge en plein air nelle campagne senesi attorno a Staggia insieme a Serafino De Tivoli, Alessandro La volpe (1820-1887), i fratelli Carlo (1822-1891) e Andrea Markò (1826-1890) e Lorenzo Gelati (1824-1895).

La Scuola di Staggia è il primo cenacolo di artisti toscani che ritraggono la campagna e i boschi dal vero e all’aperto. Questa loro esperienza verrà messa a confronto con quella della Scuola di Barbizon, quando Altamura partirà per Parigi nel 1855, insieme a Serafino De Tivoli e Domenico Morelli.

Visitare l’Esposizione Universale significa per loro capire il linguaggio dei barbizonniers e l’uso del famoso ton gris. Per dipingere un paesaggio si aiutavano con uno specchio nero che potesse mettere il risalto il chiaroscuro ed eliminare i contorni.

Ecco che Altamura, tornando al Caffè Michelangelo, racconterà queste novità ai pittori toscani che, unendo diverse suggestioni e linguaggi, daranno vita alla pittura di macchia.

Saverio Altamura. Opere

Nel frattempo Altamura, seppur con un linguaggio verista che fa emergere gli accordi tonali, continua a lavorare a quadri di storia, infatti nel 1859 il banchiere napoletano Vonwiller gli commissiona Le esequie del Buondelmonte e de Le nozze di Buondelmonte con la Donati.

Il linguaggio preraffaellita

Sempre presente in Altamura è il giovanile interesse per la poetica e il linguaggio preraffaellita. Si innamora della pittrice inglese Jane Behnam Hay (1829-1904) allieva di John Ruskin (1819-1900) e Leighton.

Con quest’ultimo entra in contatto dalla fine degli anni Cinquanta, incontro che lascia il segno nella produzione di Altamura. All’Esposizione Nazionale del 1861 presenta I funerali di Buondelmonte, Tasso a Sorrento e il Ritratto di Carlo Troya.

Dopo l’Unità d’Italia torna più volte a Napoli ed espone alle Promotrici. Presenta prevalentemente soggetti storici  e letterari in particolare negli anni Settanta. Ne è un esempio è Le roi s’amuse del 1879, soggetto tratto da Victor Hugo.

Quotazioni Saverio Altamura

Affidati ad i nostri esperti storici dell’arte per una valutazione gratuita della tua opera di Saverio Altamura.

Potete contattarci sia caricando le immagini dell’opera direttamente nel form sottostante, oppure utilizzando i metodi di contatto che trovate in alto.

Grazie alla lunga esperienza nel campo, possiamo offrire una stima anche in meno di 24 ore. Acquistiamo dipinti di questo artista.

Per una stima scrupolosa, è indispensabile avere le foto dell’opera con rispettive misure, della firma ed anche del retro.

Corrente Artistica:

Richiesta inviata correttamente.

Ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Grazie

Errore! Richiesta non inviata.

Ti preghiamo di riprovare e in caso di errore di contattarci via mail scrivendo a info@valutazionearte.it

Hai un'opera di Saverio Altamura e vuoi venderla?

Chiedi una valutazione gratuita, professionale e veloce usando il modulo sottostante, oppure usando i contatti in alto.

Instruzioni: allegare tramite il seguente modulo foto nitide e dettagliate (anche del retro e della firma).

Indicare inoltre nel campo "messaggio" le misure dell'opera.

Non trattiamo stampe e litografie.

Carica immagini delle tue opere

Seleziona o trascina i file da caricare qui dentro

error: @ Copyright Berardi Galleria d\'Arte S.r.l.